You are currently browsing the archives for the “bike” category.

Pista ciclabile: teoria e pratica

October 28, 2019 // Posted in bike  |  No Comments

Pista ciclabile con precedenza all’incrocio…

La pista ciclabile dovrebbe essere un percorso privilegiato per le bici, e dovrebbero servire ad incentivare l’uso della bici specie in un contesto urbano densamente trafficato. Il ciclista dovrebbe essere invogliato a percorrere la pista ciclabile, in quanto gli garantisce piu’ sicurezza, e dovrebbe proteggerlo dalle auto. Se cosi’ fosse, probabilmente qualcuno che fino ad allora non aveva pensato alla bici come mezzo di trasporto potrebbe cominciare a considerarlo. Le strade si svuoterebbero progressivamente dalle auto, e la mobilità urbana ne gioverebbe. Certo, a Pavia, se uno percorre una pista ciclabile, e’ molto probabile che in realta’ sia un percorso misto ciclo/pedonale, ma soprattutto, ad ogni attraversamento di una strada, da codice della strada, il ciclista dovrebbe fermarsi, scendere, attraversare, risalire e ripartire. In Germania invece la pista ciclabile, quando attraversa a raso una strada, vince, mantiene il suo status, e le auto provenienti da quella strada devono fermarsi e concedere la precedenza alle bici. Non e’ una differenza da poco, sia psicologicamente che nei fatti…..

In the few days spent at Munich I realized that in Pavia there is no possibility to have a decent hurban mobility. There is no way. One example is the fact that at Munich, when a bike path cross a street, cars have to stop, and bikes get the prioritity. This is an important difference…..

Piccoli ciclisti crescono

June 17, 2019 // Posted in bike  |  No Comments

Che dire, ormai anche la “piccola” di famiglia pedala con classe ed entusiasmo…

Bea col nuovo caschetto

At the end also little Bea rides her bycicle quite well and she enjoys to explore the world…

Pedalemaiale 2019

June 8, 2019 // Posted in bike, food  |  No Comments

Al Divin Porcello

Era da parecchio che si doveva tornare a respirare atmosfera di Pedale-Maiale, così quando si è palesata la possibilità di riunire parte del gruppo per domenica 2, non abbiamo esitato. Raduno a Verbania, in onore di Ivan, e pedalata fino al “Divin Porcello“, attraverso un percorso bello anche se la ciclovia non sempre era ben segnalata, e qualche variante “ingegnosa” è stata indispensabile. Nonostante qualche assenza dell’ultimo momento, ritrovare Claudio, dopo 10 anni, e Ivan ha reso la giornata davvero speciale.

Cycle Route 4995059 – via Bikemap.net

Selfie di gruppo
In fila indiana

After a lot of time, we were able to organize a new Pedale-Maiale bike ride, meeting again some old friend like Claudio. Moreover, to have Ivan riding with us was a really nice news. We went to Verbania, by train, and from there we rode along the Ciclovia del Toce, stopping at Masera, where we had a great lunch at the restaurant “Divin Porcello“,

Ivan controlla se arriva il treno

Bea senza rotelle

May 1, 2019 // Posted in bike  |  No Comments

Se Lorenzo si era dimostrato fin da piccolissimo appassionatissimo della bici senza pedali e, già a quattro anni aveva cominciato a pedalare senza rotelle, per Bea si pensava che la strada sarebbe stata piu’ complicata, visto che si dimostrava un po’ piu’ pigra. E invece, da un giorno con l’altro, quasi senza passare dalla bici con le rotelle, eccola pedalare senza rotelle, allegra e felice, a 4 anni, come suo fratellone.

While Lorenzo always enjoyed to use his small bike without pedals and, while he was 4 years old, he already started to ride his bike withouth wheels, Bea didn’t show a similar passion, and she was a little bit lazy when she was asked to use the bike. Until few days ago, when she decided to start to ride his bike without wheels, exactly at the same age of his brother. Good job Bea!!!!

Una famiglia in bici

December 30, 2018 // Posted in bike  |  1 Comment

Il nuovo lavoro della componente maschile adulta di casa sacchibelli, non più compatibile con l’uso quotidiano della bici ha diminuito un po’ il numero di chilometri macinati, a partire da settembre. Ma continuiamo a considerarci pur sempre una famiglia di ciclisti, e proprio oggi Beatrice si è esibita nella sua prima impresa, cioe’ il “pedalare”, con la sua bici senza pedali, fino in centro a Pavia, per gustarsi una buonissima ciambella al cioccolato. Se la componente adulta riduce un po’ l’uso della bici per cause di forza maggiore, c’e’ speranza che Lorenzo e Bea siano ben “instradati”…

Since September 2018, with the new job “car-based” the adult male component of sacchibelli family started to decrease the number of km rode by bicycle. However we are growing new young bike riders, and today Beatrice, for the first time, was able to reach the center of the town by bike. Good job Bea!!!!

Mobilita’ urbana

July 9, 2018 // Posted in bike, cars  |  No Comments

Il disastro…

Pavia, 2018: non c’e’ speranza. Il Comune dipinge striscie blu sul marciapiede per trasformarlo in parcheggio a pagamento. Con buona pace dei pedoni. E se non sono striscie blu, ci sono le righe gialle di quell’obrobrio che sono i marciapiedi “promossi” a piste pseudociclabili. E se lo fa un’amministrazione di centro sinistra con il Sindaco che proviene da Legambiente, significa che non c’e’ speranza…
La soluzione sarebbe semplice:

  • I marciapiedi ai pedoni
  • Percorsi ciclabili sicuri ottenuti togliendo spazio al parcheggio delle auto, per le bici
  • Percorsi privilegiati per i mezzi pubblici
  • Se resta spazio, che lo si lasci alle auto…

If in 2018 the public administration of our town defines parking to be payed a sidewalk, it means that there is no hope…
The solution should be

  • Sidewalk for pedestrian only
  • Safe bikepaths instead of crowded streets
  • Special paths for public transportation
  • If there is some more room, leave it for the cars

Pedale Maiale 2018

May 21, 2018 // Posted in bike  |  No Comments

Eccoci prima della partenza

Col passare degli anni e’ sempre piu’ difficile trovare il tempo per una pedalata di gruppo nello spirito del Pedale-Maiale. L’ultima uscita risale al 2016 (vedi qui). Impegni famigliari, di lavoro, acciacchi vari… sta di fatto che, fino a domenica scorsa, non siamo piu’ riusciti ad organizzare una bella uscita. Invece domenica il gruppo, o parte di esso, e’ riuscito a ritrovarsi, e seppur percorrendo due differenti itinerari (uno, piu’ impegnativo, per chi predilige la parte maiale, uno, piu’ agevole, per chi predilige la parte maiale), ci siamo goduti una bella mattinata in bicicletta sui colli piacentini, con pranzo piu’ che onorevole presso l’agriturismo “Casa Galli“. Gli anni passano, ma il divertimento e’ sempre molto. Un grazie sincero a tutti i partecipanti, con l’augurio che non ci sia da aspettare altri due anni per la prossima uscita.

Il gruppo “veloce” pedala


Gli ottimi affettati…

Last Sunday, after 2 years, we were able to ride with the “Pedale-Maiale” group, across the lovely “colli piacentini”. Weather was good, and although someone was missing, at the end the group was big enough. After the nice ride we stopped at agriturismo “Casa Galli“, where we had a good lunch and we relaxed a bit. Let’s hope that we don’t have to wait too much time to organize the next ride…

Il gruppo al completo (a parte il Sanz), dopo il pranzo

Con la bici grande

May 14, 2018 // Posted in bike  |  No Comments

Lorenzo seguito da mamma Silvia (con dietro, nascosta, Bea)

Lorenzo, fin da piccolo, si e’ dimostrato piuttosto attratto dalle biciclette. Vuoi perche’ abbiamo comiciato presto a trasportarlo sul seggiolino, vuoi perche’ questa passione nel DNA di papa’ e mamma c’e’, sta di fatto che poco piu’ che due-enne si esibiva in cavalcate non indifferenti a bordo del suo biciclino senza pedali (vedi qui). Il tempo passa, e le gambe si allungano. E mentre ora il biciclino e’ usato con entusiasmo da Bea, oggi Lorenzo, per la prima volta, ha usato la sua fiammante 16 pollici rossa per arrivare fino in centro citta’. Mica male…


Lorenzo always loved to ride his red bycicle, also when he still was a very little baby (see here). Now he is growing fast, and today he was able to ride, for the first time, his new, 16 inches, red bike, up to the center of the city. Not bad. Good job Lorenzo!!!

Bici da corsa

January 15, 2018 // Posted in bike  |  No Comments

Prima uscita con bici da corsa

La bici è sempre stata a casa sacchibelli, e tuttora cerchiamo di usarla il più possibile. In gioventu’ la componente maschile adulta di casa sacchibelli si prodigava anche con Mountain Bike (e i mitici viaggi del Pedale-Maiale) e bici da corsa (la gloriosa Bianchi comprata a Berkeley). Ultimamente si e’ trasformato piu’ in ciclista urbano (pavese e milanese), ma i circa 3000 km ogni anno vengono comunque pedalati. La Bianchi comprata al “Missing Link” di Berkeley è stata usata molto sporadicamente negli ultimi anni, ma oggi è tornata in pista. Gonfiate le gomme (completamente a terra) e tolta la polvere accumulata in garage, è stata fatta la prima uscita dell’anno. Speriamo che sia di buon auspicio.


We all enjoy to ride our bicycle here at sacchibelli, but usually we are just urban riders, using the bicycle to reach Lorenzo’s and Bea’s school, and Silvia’s and Enrico’s office. In the past Enrico was riding a lot more, using also his glorious Mountain Bike (mainly during the Pedale-Maiale ride) and his mythic Bianchi road bike, bought at Berkeley “Missing Link” roughly 18 years ago. In the last years, both road and mountain bike have been a bit abandoned due to the busy period with babies. But today a little ride with the Bianchi road bike has been done. Let’s hope that this is a new beginning.

Un’idea brillante

October 1, 2017 // Posted in bike, cars  |  No Comments

Viale Campari, dopo la rotonda che dovrebbe fluidificare il traffico…

Non ci era parsa un’idea brillante sostituire l’incrocio semaforico vicino a casa con una rotonda (vedi qui)… A specifiche domande rivolte all’amministrazione, l’unica risposta avuta è stata quella che l’opera (costata 220mila euro) era totalmente a carico dell’impresa che sta ristrutturando un immobile che si affaccia sulla rotonda stessa. Credo si chiami onere accessorio. Nulla e’ stato invece ribadito alle accuse di inutilita’ e pericolosita’ della rotonda stessa. Evidentemente perche’ e’ un’opera inutile, se non dannosa… Per ora il risultato e’ di tre incidenti durante la costruzione, un primo incidente ora che la rotonda e’ finita, proprio ieri, quando un’auto, di sera, non l’ha vista… A cio’ si aggiunge che il traffico in viale Campari, la mattina quando transitiamo in bici cercando di sopravvivere pare piu’ congestionato di prima, anche perche’, come prevedibile, i semafori a valle della rotatoria fanno da tappo e riempiopno completamente il viale e la rotonda…Che dire, complimenti ai nostri illuminati amministratori…


La terribile rotonda…

Few months ago a new roundabout construction started, close to where we live. We believe that this is a stupid idea, we asked the administration to explain why such a roundabout should be useful, and we didn’t have any significant reply. Probably because it is not useful, and, moreover, it is dangerous (for cars, but above all for pedestrians and bike riders….). Sto today the roundabout is finished, and we already observed 4 car accident, and the traffic in Viale Campari looks worst than in the past, at least in the morning… No comment…