You are currently browsing the archives for the “environment” category.

Puliamo il parco

September 22, 2019 // Posted in environment  |  No Comments

Bea all’opera….

Prosegue il nostro impegno ecologico. Stamattina abbiamo infatti partecipato, seppur marginalmente, a una bella iniziativa di un gruppo di volontari, impegnato a ripulire la nostra sporca città. Appuntamento quindi al parco della Vernavola, con guanti e sacchetti, a raccogliere bottigliette, mozziconi, tappi di bottiglia e cartacce…. Se non fosse che domani la componente maschile adulta di casa sacchibelli vola negli Stati Uniti, anche Greta potrebbe essere fiera di noi…

Parte del raccolto: spicca la batteria di un’auto….

This morning we gave a little contribution to a very nice initiative: to clean up the “Parco della Vernavola”, a nice green area not far from our apartment, nice but a bit dirty. So with gloves and bags we picked up a lot of plastic bottles, paper and cigarette butts…. Greta too could be proud of us, but the adult male component of sacchibelli family is ready to fly to USA, and for sure Greta would be againt that…

Rifiuti

September 8, 2019 // Posted in environment  |  No Comments

L’auto carica dei rifiuti, pronta per la discarica

Durante le vacanze al mare abbiamo avuto modo di visitare piuttosto spesso la discarica di Finale Ligure, visto che l’appartamento dove stavamo era in un condominio non ancora dotato di bidoni per la raccolta differenziata. Cosi’ il lunedi’ e il venerdi’ mattina si andava alla vicina discarica a Finale per portare umido, indifferenziato, plastica, carta e vetro… Questo piccolo “fastidio” ci ha permesso di focalizzare sulla quantità di immondizia che una famiglia “standard” come la nostra produce. Una quantità davvero impressionante. Partendo da questo cercheremo di ridurre, soprattutto la plastica. A casa già da tempo beviamo l’acqua del rubinetto, ma ci vuole certo uno sforzo ancora maggiore per cercare di salvare il pianeta.

During our vacations, we had to go, twice a week, to the dump of Finale Ligure, to bring paper, plastic, glass and organic waste… And we realized that we produce a lot of garbage. We will do our best to reduce it as much as possible.

Mobilità sostenibile

March 17, 2019 // Posted in environment  |  1 Comment

Verso la piscina, in monopattino

Per fortuna Beatrice si è ripresa in fretta e questo sabato abbiamo potuto dedicarci alll’attività in pisicna. La primavera è ormai alle porte, il sole tiepido e abbiamo così optato per una mobilità alternativa. Ecco quindi Lory e Bea in monopattino…

We try to use as less as possible the car, mainly in the weekend. However, during winter time, due to cold season and to the big bags, we used to go to the swimming pool by car. But today the sun was hot, spring time is coming, so Lorenzo and Bea took their push scooter, and we felt more “green” than usual

Eclissi

July 30, 2018 // Posted in environment  |  No Comments

L’eclissi di luna (rossa)

Benche’ l’eclissi di luna del 27 luglio affascinasse Lorenzo e Bea, non ce l’hanno fatta a reggere e cosi’ e’ naufragata l’idea di andare a osservarlo da un punto favorevole… Ci siamo limitati a guardarlo dal balcone e, non disponendo di adeguati mezzi fotografici, prendiamo a prestito la bella foto di zio Paolo. Ciao Luna, grazie per lo spettacolo offerto!!!


Both Lorenzo and Bea were very excyted by the expected moon eclipse, but they were too tired after the swimming pool… and decided to sleep. No way to observe it from a nice place, so let’s grab the nice picture taken by “zio Paolo”. Good job!!!

Una serata speciale

September 22, 2017 // Posted in environment, Pavia  |  No Comments

Eccoci (quasi) tutti schierati intorno al tavolo

In questa lunga estate (che termina proprio oggi), abbiamo avuto un giro piuttosto complicato di baby sitter che ci hanno aiutato coi bimbi, visto che l’asilo e’ ancora ben lontano dall’essere a regime, almeno per Bea. Tra queste, Fatima e Jamila sono quelle che piu’ sono state coi bimbi, e si sono dimostrate davvero speciali. Fatima l’abbiamo conosciuta al Rodari (dove ha svolto il servizio civile), Jamila l’abbiamo conosciuta tramite Fatima. E stasera abbiamo avuto il piacere di ospitarle (assieme alle rispettive sorelle) qui da noi, per una semplice pizza da asporto. Abbiamo cosi’ conosciuto anche Jamila, sorella di Fatima e Sara, sorella di Jamila, e abbiamo passato una serata davvero piacevole, ravvivata anche dall’allegra spensieratezza dei bimbi, in particolare di Beatrice. Grazie per essere passate a trovarci; siamo sicuri che ci rivedremo presto, tutti assieme.


During this summer we had to ask some help for Lorenzo and Bea, because their schools still are not working at 100%. We had many baby sitters, but at the end, two of them, Fatima (we met her at kindergarden) and Jamila (we met her thanks to Fatima) were the ones that helped us most of the time. For this reason we were very happy when both of them accepted the invitation at our place for a simple pizza; moreover they brought also Jamila and Sara, their sisters, and we really spent a nice evening. Thanks for coming, for being so kind with our little Lorenzo and Bea, and, more in general, thanks for helping us with the kids.

Contabilizzazione del calore

October 1, 2016 // Posted in environment  |  No Comments

Che qui a casa sacchibelli si sia attenti al risparmio energetico e’ cosa nota. Uno dei temi su cui siamo stati piu’ attenti e’ stato quello relativo al risparmio per il riscaldamento dell’abitazione. Partiamo da una situazione piuttosto infelice (piccolo condominio con riscaldamento centralizzato), ma gia’ sette anni fa (vedi qui), traendo ispirazione da cio’ che accadeva in Europa, proponemmo di introdurre le valvole termostatiche e i sistemi di contabilizzazione del calore, per implementare un concetto che ci pare logico: ovverosia si paga per il “calore” che si usa e non in base ai millesimi condominiali. Il vantaggio di questo approccio e’ che tende a ridurre gli sprechi, spingendo le famiglie a migliorare gli isolamenti, dal momento che si avrebbero diretti risparmi. Lentamente la legislazione in Italia ha comunque fatto progressi e gia’ da qualche anno questo sistema e’ stato reso obbligatorio, quantomeno in Lombardia. Il nostro condominio e’ forse uno degli ultimi che non si e’ adeguato, a causa di “divergenze” di opinioni tra condomini. Sembra che finalmente ci sia tutti convinti del fatto che rispettare una legge e’ un buona idea, specie se, come in questo caso, la legge risulta ispirata da un principio di “giustizia”. E’ chiaro che noi siamo avvantaggiati rispetto ad altri condomini (non siamo mai in casa dalle 8 alle 18, per cui ci converra’ non riscaldare in quella fascia oraria), ma i vantaggi a livello di condominio sono evidenti, e si possono anche quantificare prendendo ispirazione dai dati sui consumi di gas di condomini che hanno gia’ adottato questo sistema. Il grafico qui sotto e’ autoesplicativo (e si riferisce ai consumi reali di due condomini che distano pochi metri l’uno dall’altro).

La curva rossa si riferisce a un condominio che nel 2012 ha adottato valvole termostatiche e contabilizzazione del calore, mentre la curva blu si riferisce al nostro condominio, che, senza contabilizzazione del calore, presenta consumi stabili

La curva rossa si riferisce a un condominio che nel 2012 ha adottato valvole termostatiche e contabilizzazione del calore, mentre la curva blu si riferisce al nostro condominio, che, senza contabilizzazione del calore, presenta consumi stabili


Here at sacchibelli’s we are very focused on energy saving. We prefer to ride our bicycles instead of driving our car, we moved to led light almost everywhere in our apartment, we try to save water and so on. One topic very important about this is the heating system in our little condo. Since many years we are trying to convince our neighbors that, still maintaining the centralized heating system, we could save a lot of gas (and money) using some system to control and measure the heat we use, thus paying according to it, and not according to the size of the apartment. We started seven years ago (see here), and eventually, with a two years delay because of some protest of some neighboor, we are ready to start. Its amazing that only the introduction of “economical” penalties has convinced the riots, while it is evident (looking at the condos here around where the heating measurement system has already been introduced) the saving (in term of gas, money and pollution) is close to 30%.

Super poteri?

January 19, 2016 // Posted in environment, Pavia, weather  |  No Comments

La papera che cammina sulle acque

Andando al lavoro, costeggiamo, in bici, il naviglio, un canale non certo affascinante come quelli che caratterizzano Amsterdam. Ma talvolta capita di osservare spettacoli interessanti; come oggi quando abbiamo immortalato una papera dai poteri speciali, che cammina sulle acque. In realta’, causa freddo, la superficie comincia a ghiacciarsi, ed e’ divertente vedere le papere “pattinare”.


Going by bike to the office, we pass close to the “naviglio”, an artificial canal not so nice like the ones you can find in Amsterdam. However, sometimes, there is something funny happening inside. Like the duck that seems to walk on the water…. In reality it is very cold in these days, and a thin layer of ice is present on the surface.

Chi controlla il controllore?

December 7, 2015 // Posted in environment  |  No Comments

Il rumoroso “oggetto”

Come forse molti di voi sanno, abitiamo in una zona tranquilla della citta’, in una periferia non cosi’ lontana dal centro. La zona e’ prettamente residenziale, e l’unico “ufficio”, peraltro confinante col nostro condominio, e’ l’Arpa, un ente regionale che si occupa della prevenzione e della protezione dell’ambiente. Tra gli svariati compiti svolti da questo ente, non ultimo viene il controllo dell’inquinamento acustico (vedi qui). La cosa buffa (si fa per dire) e’ che da qualche giorno, proprio l’Arpa, si e’ dotata di un enorme e appariscente macchinario che, presumibilmente, ha compiti di regolazione termica. Non e’ chiaro se sostituisca la caldaia o se invece si occupi do condizionare certi ambienti. Ma la cosa chiara e’ che, fa un runmore assurdo, continuativo di notte e decisamente sgradevole. Certo, ora con le finestre chiuse il fastidio e’ minimo, ma quest’estate… Ora ci tocchera’ scendere agli uffici dell’Arpa e chiedere che misurino l’inquinamento acustico da essi stessi provocato….


As probably some of you already knows, we live in relatively quiet zone of a relatively quite town. We can reach the center by walking in 20 minutes, or by bije in 5 minutes, and we enjoy such a position, far enough from caohtic traffic and noisy zone. All around us you can find small condos, with some decent green area. The only not residential building is the one close to us, where “Arpa” (a regional institution that should control and check environment pollution) is based. Among the pollution it shiuld control, there is the acoustic one too. Sadly, since few days, a new heating system has been installed, just close to our windows. Sadly, this heating system is very noisy, and it works also all night long (while people works inside that building only since 8am through 5pm. What can we do? Should we go to the “Arpa” asking them to “measure” the noiae pollution they are producing?

Acqua con le bollicine

April 15, 2015 // Posted in environment  |  No Comments

Ecco il mitico gasatore

Qui dai sacchibelli cerchiamo, nel limite del possibile, di avere rispetto per l’ambiente e per cio’ che ci circonda. Non siamo certo estremisti, ne’ a impatto zero (non usiamo, ad esempio, i pannolini lavabili per i nostri bimbi), pero’ quando il sacrificio e’ giudicato “sopportabile”, la nostra anima ecologica emerge. Per questa ragione abbiamo da sempre bevuto l’acqua del rubinetto, ritenendola piu’ comoda, ecologica, economica dell’acqua comprata al supermercato in bottiglie di plastica, presumibilmente trasportate con tir lungo le nostre autostrade, capillarmente ai vari rivenditori. Pero’, c’e’ un pero’: di tanto in tanto, specie d’estate, la nostalgia per la bollicina frizzante un po’ riemergeva, e solo per i mesi estivi si cedeva a qualche bottiglia di acqua gasata. Ora, con l’acquisto del gasatore Sodastream il cerchio si chiude. E potremo bere i nostri circa 15 litri di acqua gasata alla settimana (60 al mese, 720 all’anno) senza essere direttamente responsabili per la plastica e il traffico generato per l’imbottigliamento e il trasporto.


As you know, here at sacchibelli’s we try to be eco-friends. Not fanatic eco-friends, but just eco-friends, so, for example, we usually drink tap water. It is good enough, it is cheap, and it easily comes from the pipes. Unfortunately it is not fizzy water and sometimes, in the summer season, we buy some fizzy water at the supermarket. But from now on, with the new Sodastream, we will be able to make fizzy our tap water. So, no more pollution to bring fizzy water to sacchibelli’s place.

Rifiuti

January 5, 2015 // Posted in environment  |  No Comments

Ecco tutti i sacchetti prodotti in pochi giorni dai sacchibelli

Il periodo e’ di sicuro particolare, ma l’altro giorno, mentre guardavamo i sacchetti di immondizia generica, di plastica, di vetro e di carta che si erano accumulati negli ultimi due giorni, uniti ai sacchetti coi pannolini… beh, diciamo che facevano parecchia impressione e hanno indotto qualche riflessione… E pensare che una certa sensibilita’ l’abbiamo, cerchiamo di limitare al massimo i prodotti con imballaggi esagerati e tendiamo a bere l’acqua del rubinetto. Ma evidentemente non basta…


In these holydays garbage production here at sacchibelli’s was impressive. Generic garbage, togehter with glass, plastic, paper and diapers. We need to reduce a bit such a production…